La lampada catalica un vero oggetto di design

Sovente, i cattivi odori provenienti dall’esterno, o in alcuni casi, emessi da qualcosa… O da qualcuno presente in casa, rischiano di rovinare l’atmosfera casalinga; addirittura, nel peggiore dei casi, potrebbe anche spaventare qualche ospite! Difatti, secondo regime di Galateo, è piuttosto scortese improvvisarsi anfitrioni e aprire le porte del proprio  “castello”, pur sapendo che in esso si cela un tedioso miasma: ad esempio, può trattarsi di un olezzo di tabacco, nel caso in famiglia siano presenti dei fumatori; oppure, nella peggiore delle ipotesi, un guasto al sistema fognario ha reso l’intero spazio conviviale un luogo dal puzzo, come dire, melmoso.

Ma non temere! Perché a tutto c’è un rimedio. Per quel che concerne gli olezzi presenti tra le mura domestiche, esiste una contromisura ben precisa: la lampada catalitica. Questa non è altro che un diffusore contemplante la catalisi, ovvero un tipo di combustione chimica che non prevede fiamme di alcun tipo. Per questa ragione, teniamo a dire che non esiste alcun pericolo di incendio!

Il diffusore catalitico è uno strumento in voga da più di un secolo; sì, è proprio così! Esattamente, è in circolazione dall’anno 1890, quando fu impiegato, per la prima volta, allo scopo di restituire un buon odore alle sale degli ospedali.

Al tempo, infatti, i centri medici non godevano di ottima reputazione… Ma questo è un altro discorso.

Grazie all’invenzione delle lampade catalitiche, siamo in grado di tener a bada gli olezzi con semplicità: basta piazzare lo strumento in una stanza ben precisa (magari, quella in cui sapremo di avere ospiti a breve), azionarlo -alcuni prevedono il collegamento all’energia elettrica per funzionare- e lasciare che faccia il suo lavoro in maniera impeccabile.

A un primo impatto, sembra qualcosa di estremamente semplice, che non comporta alcun tipo di dispendio energetico. Ed è così! Certo, avremo comunque il dovere di mantenere la nostra casa pulita, come giusto che sia, ma nell’evenienza di una bega che non dipende dal nostro operato, la lampada catalica si dimostra un’ottima alleata.

Il nostro diffusore emetterà un certo quantitativo di molecole odorose che definiremo “benigne“, le quali, con estrema diligenza, andranno a sopraffare le molecole mefitiche che definiamo “maligne”. Questo atto di puro eroismo ci assicura una freschezza pimpante e deliziosa all’olfatto; ovviamente, molto dipenderà dai gusti e dallo spazio effettivo che dovrà essere profumato.

Considerando un perimetro non eccessivamente vasto da coprire, sarebbe opportuno acquistare un diffusore catalitico non troppo potente, o si rischierebbe una sorta di effetto inverso, in cui l’odore diverrebbe troppo forte e rischierebbe di essere fastidioso. Un semplice consiglio che può rivelarsi fondamentale!

Attualmente, sul mercato sono presenti numerose lampade catalitiche, molte di esse appartenenti a marche differenti. Tuttavia, con grande ragione, è la lampada Lampe Berger a detenere lo scettro di “prodotto più ricercato”, dacché la stessa casa madre produce oggetti dall’importante valore duraturo e dall’efficienza che non lascia mai a desiderare.

Purtuttavia, cliccando su questo link https://www.lampadacatalitica.it/ troverai altre marche producenti il medesimo strumento. Inoltre, per merito di celeri ed efficaci spiegazioni, avrai un’idea senza dubbio più dettagliata dei diffusori a catalisi.

Le lampade catalitiche hanno assunto, collo scorrere imperturbabile della sabbia nella clessidra del tempo, un ruolo significativo nelle nostre vite. Esistono innumerabili abitazioni che non ne fanno uso, e spesso restano impelagate in maleodoranti vicissitudini. Il consiglio è quello di acquistare un diffusore del genere per evitare spiacevoli inconvenienti, soprattutto, come già specificato, se in presenza di ospiti.

L’incredibile supporto che simili oggetti donano può rappresentare un valore aggiunto, a tratti insostituibile, anche per notti romantiche! Ma certo! Grazie a una lampada catalitica, sarà possibile godersi un’intima cena a lume di candela, pur friggendo alimenti, che non andrà a disturbare le nari dei presenti.

Autore dell'articolo: Francesca Gori